Angolo dell'Agente

VADEMECUM OPERATIVO PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO

Ottobre, tempo di nuovi propositi e per noi agenti non può che essere il momento migliore (dopo il boom di vendite della vacanza estiva) di accogliere le coppie che progettano il viaggio dei sogni. Tra le varie destinazioni la maggior parte dei futuri sposi sceglie mete extra europee ed il pensiero più grande pare essere sempre lo stesso: “non abbiamo il passaporto, come si ottiene?”. Ed ecco che oggi il mio focus sarà proprio su tale adempimento, una mera pratica burocratica utile ad ogni cittadino che voglia intraprendere un viaggio.

Cos’è il passaporto?
Per quanto banale riporto una piccola definizione utile ai più: “un passaporto è un documento di riconoscimento formale o una certificazione emessa da un governo statale che identifica il portatore come un cittadino di quel particolare stato e richiede il permesso, nel nome della sovranità o governo dello stato emittente, di entrare e passare per altri stati”. Nello specifico, ai nostri fini, “il passaporto è il documento d’identità richiesto per viaggiare all’estero ed è esibito al confine qualora con la nazione visitata non esistano accordi per cui i cittadini possano utilizzare anche altri documenti di identità. Ad esempio, i cittadini degli Stati membri dell’Unione europea, possono viaggiare verso altri Paesi UE utilizzando, in alternativa al passaporto, la sola carta d’identità in corso di validità”.

Come richiedere il passaporto?
Il primo consiglio è quello di consultare il sito di Agenda passaporto raggiungibile al link www.passaportonline.poliziadistato.it. È un nuovo servizio della Polizia di Stato per la richiesta online del passaporto e per prenotare il giorno in cui presentare la domanda. Se le date disponibili online risultassero terminate, non disperare poiché basterà rivolgersi direttamente alla Questura o al commissariato. La domanda per il rilascio può essere presentata presso i seguenti uffici del luogo di residenza o di domicilio:
– la Questura;
– l’ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza;
– la stazione dei Carabinieri (per le impronte digitali, se previste, il cittadino si dovrà recare presso la questura o commissariato anche in tempi differiti).
Chi intende richiedere il passaporto presso il luogo di domicilio e non presso quello di residenza, deve tenere presente che per effettuare correttamente i controlli previsti dalla legge ci sono alcune condizioni ed in particolare la dimostrazione del domicilio o dimora in comune diverso da quello di residenza e le ragioni che giustifichino il perché non ci si rechi alla Questura di residenza per richiedere il passaporto. Soprattutto va considerato che si allungheranno i tempi di rilascio poiché lo stesso sarà subordinato al nulla osta che dovrà essere richiesto alla Questura di residenza.

Quali documenti occorre produrre per ottenere il passaporto?
• il modulo stampato della richiesta passaporto;
• un documento di riconoscimento valido;
• 2 foto formato tessera identiche e recenti (chi indossa occhiali da vista può tenerli purché le lenti siano non colorate e la montatura non alteri la fisionomia del volto. Inoltre lo sfondo della foto deve essere bianco);
• la ricevuta del pagamento a mezzo c/c di € 42.50 per il passaporto ordinario. Il versamento va effettuato esclusivamente mediante bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro. La causale è: “importo per il rilascio del passaporto elettronico”. Si consiglia di utilizzare i bollettini pre-compilati distribuiti dagli uffici postali;
• un contrassegno amministrativo da € 73,50 (da richiedere dal tabaccaio);
• portare con sé anche la stampa della ricevuta che viene inviata dal sistema dopo la registrazione (se effettuata) al sito Agenda passaporto.
Interessante sapere che dal 24 giugno 2014 è stata abolita la tassa annuale del passaporto ordinario da € 40,29. Pertanto tutti i passaporti, anche quelli già emessi, saranno validi fino alla data di scadenza riportata all’interno del documento per tutti i viaggi, inclusi quelli fuori dall’Unione Europea, senza che sia più necessario pagare simile imposta.

Il rilascio del passaporto
Una volta richiesto il passaporto e consegnata tutta la documentazione di cui sopra, il passaporto verrà rilasciato nell’arco di qualche giorno e sarà quindi possibile ritirarlo presso l’Ufficio Passaporti.
Ma è possibile ricevere il passaporto anche a domicilio?
Ebbene sì. Si tratta di un caso di pubblica amministrazione che viene incontro ai cittadini e ciò avviene grazie ad una convenzione con Poste Italiane. Basterà, infatti, farne relativa richiesta all’Ufficio Passaporti e al cittadino verrà consegnata una busta di Poste Italiane da compilare con le informazioni relative al domicilio presso cui si intenderà ricevere il documento. Il servizio ha un costo di € 8,20 che si pagheranno con contrassegno.
Per tutte le ulteriori informazioni sarà sempre bene rivolgersi alla Questura, ma noi agenti siamo sempre al vostro fianco per facilitarvi la vita…ed il viaggio!

Antonella Maiolino

Share